Area occupata da questo popolo: Piana del Sicland e sud est Arkhesya

Popolo più numeroso e florido. Dotati di grande intelligenza, studiosi e operosi. Costruttori di grandi costruzioni, allevamenti e coltivazioni. Risiedono per la maggior parte in Sulltain la grande capitale e città più popolosa di Arkhesya e nella cinta di villaggi costruiti attorno ad essa. Sono retti da una casa regnante di grande illuminazione e lungimiranza. Abitano in una miriade di villaggi in tutta la piana del Sicland e poi a sud fino al mar Nywam. Sono i garanti della pace nella penisola, essendo i più pacifici e numerosi hanno stabilito fruttuose alleanze con quasi tutti i popoli di Arkhesya, eccetto naturalmente i morgni. Con i Mahannod esiste un reciproco rispetto e nessun significativo contatto.

Origine: Il popolo ulgan nacque dalle rovine del popolo dealantita di cui perse praticamente tutto eccetto il carattere, l’operosità e le capacità di inventiva e di studio. In seguito allo sfacelo della razza dealantita la parte migliore e più operosa di quel popolo colonizzò tutta la piana del Sicland e lì pose le basi per la civiltà più florida dell’intera Arkhesya.

Moneta: TARZIO. Il Tarzio è la moneta del popolo ulgan e viene utilizzata, al pari del Sablo, in tutta Arkhesya anche se di valore inferiore nel rapporto di circa uno a tre. Utilizzata negli scambi commerciali viene coniata dalla casa regnante ulgan. Il Tarzio viene ricavato da una serie di metalli le cui miniere, di proprietà della casa regnante, sono dislocate nei monti Vishor. La lega dei metalli fa acquistare alle monete un colore che assomiglia all’ottone anche se un po’ più scuro.

Lingua: La lingua ulgan si chiama ulgan. è la classica lingua del popolo che praticamente tutte le razze e le etnie di Arkhesya conoscono. Non consta di tante regole ed è semplice da imparare, almeno nei rudimenti che servono per comunicare. Non possiede struttura complicata e la fonetica è più dura del delfyde da cui differisce soprattutto per la scarsa musicalità.

Governo: Monarchia Nobiliare, casata dei Kalpath il cui vessillo è una grande Aquila. La famiglia reale può investire sia re che regine per diritto di nascita. Da sempre considerata la casata più lungimirante e saggia di Arkhesya è quella che ha permesso al popolo ulgan di diventare il più florido. Il consiglio ulgan viene convocato per ogni decisione che coinvolga la vita del popolo ed è tenuto in grande considerazione il suo giudizio. È composto da persone del popolo che vengono elette per acclamazione ogni lustro. L’ultima parola spetta comunque al reggente in vita, ma il consiglio ha grande influenza su tutta la vita di questo popolo. Esistono molte casate nobiliari che nel corso dei secoli sono state assegnate dalla nobile casata dei Kalpath alle varie città e cittadine ulgan. Ogni città ha quindi il suo signore che la governa con la sua famiglia, un castello o un palazzo fortificato e un esercito per difendere il luogo e controllare la cittadina. Le casate nobiliari sono



a.        Arhing – signori del freddo e casata di Tysnow – Vessillo: La Montagna Rocciosa

b.        Arcrab – signori dei corvi e casata di Crowly – Vessillo: il Corvo Nero

c.        Arlond – Signori del golfo e casata di Bran – Vessillo: l’Onda Impetuosa

d.        Arhkair – Signori delle navi e casata di Derl – Vessillo: una Vela Spiegata

e.        Arthal – Signori del sud e casata di Cory – Vessillo: il Lupo Bianco

f.         Arthof – Signori dell’est e dei villaggi Hirl (pendici colline Hiryel) - Vessillo: l'Orso Grigio

g.        Arylat - Signori del sud e casata di Tharel - Vessillo: l'Albero Frondoso